Emma Ciardi

Clicca sul banner della mostra qui sotto per accedere ai contenuti e al volantino

Mostra Emma Ciardi Molinetto 2014

Emma Ciardi

Venezia, 1879-1933

Nata in una famiglia di artisti, verso i vent’anni già dipinge sotto la guida del padre Guglielmo e a fianco del fratello Beppe.

Nel 1908 figura per la prima volta alla Biennale di Venezia, inaugurando il filone neosettecentista, sulla scia della tradizione vedutista veneziana legata al Guardi e al postimpressionismo.

Nel 1914 la sua fama si consolida in Francia con una nutrita mostra personale allestita a Parigi nella Galleria George Petit, mentre in patria, oltre che in occasione delle Biennali veneziane, ottiene larghi consensi esponendo a Milano e a Torino nel 1918, e a Firenze l’anno seguente.

Ma è soprattutto in Inghilterra che la sua notorietà sale a un livello raggiunto nel Settecento solo dalla sua conterranea Rosalba Carriera, conducendola negli anni Venti a produrre quasi unicamente per il mercato inglese e americano (Londra e New York).

Negli anni ’30 Emma decide di cercare un luogo di campagna dove potersi riposare dalle fatiche della città e dei lunghi viaggi all’estero, dove poter lavorare traendo da quei paesaggi nuovi motivi di ispirazione.

Emma, di carattere schivo e solitario, percepisce a Refrontolo la pace e la serenità in cui trovare ciò che più desiderava: gli amati alberi e “stupefatte visioni di natura” da immortalare.

“Si, sti alberi me va ben”, così la Ciardi si rivolge al fattore che l’accompagnava a visitare la campagna di Refrontolo alla ricerca di una dimora in cui soggiornare.

La pittrice veneziana diventa così interprete innovativa della natura, frutto di una interiore maturità che raggiunge l’apice nel periodo di Refrontolo. Rimane qui per lunghi periodi soprattutto nella bella stagione.

Nel 1932 trascorre un lungo periodo a Refrontolo ma non si sente bene. “Ho finito otto quadri. Ne avrei fatti di più se fossi stata meglio di salute. Ora sono stanca e dovrò riposarmi”, scrive nello stesso anno. Morirà a Venezia il 16 Novembre 1933.